DIGI.blog

Notizie, curiosità e consigli sul mondo del web, mobile e tecnologico.

Quale social network utilizzare per la propria azienda: YOUTUBE

17 Ottobre 2019

Nato nel 2005 YouTube è il secondo social network più utilizzato sia nel mondo che in Italia. La sua caratteristica principale è quella di ospitare sulla propria piattaforma solo contenuti video che possono essere caricati da qualsiasi utente purché abbia un canale (fondamentalmente corrisponde al termine “profilo” usato sulle altre piattaforme social).

Formati

I video che popolano la piattaforma sono davvero moltissimi e trattano qualsiasi argomento: da come allacciarsi le scarpe a conoscere le dinamiche che possono fare decollare un razzo nello spazio.
I video che vengono caricati hanno formati diversissimi e soprattutto negli ultimi anni sono nati sempre più nuovi format. Ognuno su YouTube può trovare contenuti interessanti: clip musicali, vblog, interviste, documentari, recensioni, tour all’interno di aziende e molto altro.

Utenti

Nel mondo gli utenti di YouTube sono circa 1,9 miliardi ed in Italia gli utenti attivi sono 24 milioni. Cifre molto importanti che hanno portato molti di loro a far diventare l’utilizzo di YouTube una vera e propria professione.

Youtuber

Cioè? Cioè sono diventati youtuber, persone che postano sul proprio canale con una determinata frequenza i propri contenuti e grazie ad essi riescono a monetizzare l’attività tramite le pubblicità che vengono inserite all’interno del video.
Ovviamente prima di riuscire a monetizzare e poter vivere solo di quello le cifre che si devono raggiungere ed il numero di persone che seguono i tuoi contenuti devono essere particolarmente elevate.
Questo articolo, però, non vuole spiegare come diventare uno youtuber di successo, ma come un’azienda può trarre vantaggio da YouTube.

Per un’azienda

Come già detto è possibile utilizzare la piattaforma per inserire delle pubblicità che andranno visualizzate in altri video, ma per una piccola o media azienda la modalità migliore per sfruttare i vantaggi di YouTube non è questa.
Per capire esattamente le potenzialità di questo social dobbiamo iniziare a ragionare nella nuova ottica che vede il consumatore come qualcuno che vuole sapere cosa c’è dietro al prodotto che acquista. La filosofia dell’azienda, le materie che acquista, come avviene il processo di fabbricazione del prodotto. Vuole vedere e conoscere il “behind the scenes” che c’è dietro a ciò che acquista.
Facciamo un esempio concreto per capire meglio.
Il nostro cliente acquista un determinata bottiglia di vino in un’enoteca. Molto probabilmente se il cliente non è un sommelier o un enologo di professione saprà solo che il vino che ha acquistato è buono (si presume), ma nulla di più. Supponiamo ora che cerchi il nome della bottiglia e della nostra azienda su internet. Oltre a trovare il nostro sito in cui descriviamo in breve i prodotti e facciamo dei cenni storici alla nascita dell’impresa, non trova molto altro.
In questa situazione YouTube è la chiave ideale per il cliente. Se utilizziamo il social network nel mondo corretto si possono creare contenuti che raccontano la storia dell’azienda, quale tipo di uva è stata utilizzata per creare quel tipo di vino, le particolarità di quell’uva, quando e come è stata effettuata la vendemmia.

Vantaggi di Youtube

Se il consumatore è in grado di trovare queste risposte molto probabilmente si sentirà in qualche modo connesso all’impresa perché sa cosa c’è dietro quella determinata bottiglia di vino, conosce la tradizione dell’azienda, è consapevole del processo di produzione che parte dal momento della raccolta dell’uva fino all’imbottigliamento e saprà dare un valore ulteriore alla bottiglia acquistata. 
Tutte queste azioni sono familiari per un’azienda, ma non lo sono per il consumatore finale che non è a conoscenza di tutto quello che c’è dietro al prodotto finale.
Creati questi contenuti e messi a disposizione dell’utente si creerà un rapporto più solido che darà anche molto più valore all’acquisto finale del cliente, il quale sarà informato e consapevole di cosa sta effettivamente andando a pagare. Non solo una bottiglia di vino, ma anche un lungo processo che ha richiesto tempo, materie prime e cura dei dettagli.

Budget

Ovviamente quello che viene da pensare prima di realizzare questi video è il budget che bisogna avere o le capacità necessarie. Ovviamente se si vogliono creare dei video che facciano concorrenza a grandi multinazionali si sta sbagliando approccio. Loro possono addirittura ingaggiare registri pluripremiati per realizzare video. Quello che dobbiamo pensare è che oggi ci viene incontro una tecnologia che permette di realizzare video di alta qualità senza un grosso dispendio di risorse economiche.
Esistono società che realizzano questo tipo di video senza dover pagare necessariamente un regista da premio Oscar.

Condivisione su altre piattaforme

Un altro aspetto positivo che ha permesso uno sviluppo molto importante a YouTube è la possibilità di condividere i contenuti su altre piattaforme come, per esempio, Facebook.
Una volta che il contenuto è caricato su YouTube è possibile condividerlo ovunque dando la possibilità di essere visto anche a coloro che non frequentano abitualmente il social network

Fare video, caricarli, gestire il social nella maniera più corretta può sembrare laborioso ed un grosso dispendio di energie e tempo, ma il ritorno che si ha da questi contenuti molto spesso ripaga tutto quello che si è fatto.

E tu sai qual è il social network giusto per la tua azienda?

Facebook, Instagram o YouTube? Analizziamo insieme il tuo target e decidiamo la strategia migliore